Top Color:
Main Color:
Bottom Color:
it-ITen-US

Archivio
il club dei "contadini del gusto"

Location OpenAirEXPO

Forte MargheraForteMargheraForteMarghera

GreenRetailEXPO 2014

A GreenRetailEXPOil Monferrato

Il nome indica sia un dolce (che per tradizione si consuma nella Festa dei morti e in quella di Santa Lucia) che un piatto salato (riservato al 13 dicembre), entrambi a base di grano bollito e comuni, con alcune varianti, a diverse regioni del Sud. A Lavello, in provincia di Potenza, chi si reca a trovare i propri defunti al cimitero il 2 novembre riceve in dono il “ru mir coutt”, un piatto di grano, noci e melograno, e il giorno di S.Lucia in tutta la Basilicata era consuetudine lasciare sotto il camino la cuccia preparata con grano bollito, miele e vino cotto perché la Santa vi posasse il piede sopra augurando così alla famiglia un inverno ed una primavera favorevoli.




Ingredienti (per 4 persone):

400 gr di grano pronto per pastiera

1 l. di vino cotto

200 gr di zucchero

150 gr di gherigli di noci

1 melagrana

1 cucchiaino di cannella

Preparazione: In una pentola portate ad ebollizione il vino cotto con lo zucchero, le noci e la cannella avendo cura di girare continuamente. Unite il grano e continuate la cottura a fuoco basso per un quarto d’ora. Lasciate raffreddare, decorate con gli acini della melagrana e riponete in un contenitore al fresco. Il vino cotto è un prodotto che si ottiene dalla ebollizione a fuoco lento del mosto di vino facendo evaporare la parte liquida sino a formare un liquido molto denso.

 

(tratto da “Il manuale del borghigiano. Piatti, percorsi e parole per scoprire i borghi italiani”)

inserito in: ricette
condivisioni: E-mail | Permalink |

se ti piace condividi!

1973